Etsy aumenta il prezzo delle commissioni

Proprio cosi, se avete un negozio su Etsy vi sarà arrivata una amara sorpresa in queste ore, dal 16 Luglio Etsy porterà la commissione dal 3,5% al 5%, che verrà calcolato anche sul costo della spedizione, andando cosi insieme al costo di pagamento ad appesantire di un bel 10% sui ricavi generati da un oggetto.
La svolta di Etsy sembra sempre più presagire l’abbandono dei piccoli artigiani per dedicarsi a medi imprenditori nella vendita degli oggetti, ora anche la comparsa di alcuni piani bonus che andrebbero pagati per sbloccare ulteriori servizi per gestire il proprio negozio virtuale, questo si nota anche dalla nascita di continue ” Consigliatrici ” di piccoli brand con il cuore, piccole attività in rosa, che hanno basato la loro attività lavorativa sulla consulenza di micro imprese artigiane che alle prese con lo sbarco sul web non sanno dove andare, ecco che con i loro siti vogliono cercare di motivarti e convincerti che siamo tutti capaci di fare tutto, peccato poi che c’è gente che abbia speso decine di euro su etsy di inserzione e non abbia ancora venduto un pò di aria fritta ( ma di questo argomento ne parleremo più avanti Ndr )

Certamente che l’1,5% non significa uno svenamaneto, ma calcolando la % anche sulla tassa di spedizione ( Che normalmente non porta guadagno alla creativa ) si va a gravare una spesa di una ulteriore tassa, andando direttamente a toccare il portafoglio del proprietario del negozio virtuale.

In molti gruppi si sta riversando il malcontento di piccole creative che hanno paura di non recuperare più i soldi spesi ora che le % di trattenute sono aumentate, e non di poco.
Staremo a vedere i prossimi passi del marketplace, se la svolta dovrebbe considerasi segnata, vedremo sicuramente molte piccole imprenditrici abbandonare per magari crearsi il loro sito.

 

Voi cosa ne pensate? Resterete o andrete a vendere altrove su Etsy? Magari Amazon Handmade?

Tutte queste notizie potete approfondirla a questo Link  

Autore dell'articolo: creativilombardia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *